Isteresi relativa

L'isteresi relativa, od errore relativo di reversibilità, è la differenza dei segnali di uscita misurando la medesima coppia applicata con gradini di carico ascendenti e discendenti (vedere figura 4). Viene dato il valore della deviazione maggiore (valore assoluto) nel campo di misura, espresso in percentuale e riferito alla sensibilità C.

L'errore relativo di reversibilità è una misura dell'isteresi, cioé della differnza fra la curva caratteristica rilevata per coppia ascendente e quella per coppia discendente. Per determinare l'isteresi relativa, viene registrato un ciclo di carico dalla coppia zero alla coppia nominale e ritorno alla coppia zero. Il calcolo pratico si basa sulla misurazione di un numero predefinito di punti nel ciclo di carico (p.es. 0 %, 50 %, 100 % di Mnom).

L'isteresi descrive la dipendenza del segnale di misura dalla storia di caricamento del trasduttore. Essa è di particolare importanza se il trasduttore viene usato per un'ampia estensione del campo di misura e non sia possibile scaricarlo fra l'acquisizione di due punti di misura rilevanti. Il caso estremo è l'uso dalla coppia zero alla coppia nominale. L'effetto dell'isteresi è significativamente inferiore per ciclo di carico parziale che per ciclo di carico che copra l'intera coppia nominale.

Fig. 4: Determinazione dell'isteresi relativa dhy da un ciclo carico-scarico (qui basato sui gradini di carico 0 %, 50 % e 100 % di Mnom). Il valore da assumere è la massima isteresi dei gradini di carico prestabiliti (qui dhy,0 e dhy,50).


Contatti Prego, contattateci se desiderate conoscere cosa può offrirvi la HBM.