Trasduttore di deformazione attivo SLB700A/06VA: un sensore economico con elettronica integrata per forze estremamente elevate

SLB700A/06VA è un trasduttore di deformazione con elettronica integrata che può essere fissato facilmente alle strutture tramite viti. Se viene applicata una forza alla struttura, SLB700A/06VA misura la deformazione risultante in modo affidabile. Poiché la deformazione è spesso proporzionale alla forza, il sensore di deformazione può essere usato per misurare la forza applicata, previa esecuzione di una taratura corretta. Questo principio viene anche definito “misurazione nella derivazione di forza (shunt)”.

Il trasduttore di deformazione attivo SLB700A/06VA è altrettanto robusto quanto la corrispondente versione passiva, ossia SLB700A. Tuttavia, la versione attiva SLB700A/06VA è più economica, grazie all’amplificatore di misura integrato. Il vantaggio di questo sensore dal prezzo decisamente interessante è che consente di misurare in maniera affidabile anche forze estremamente grandi. La dinamica della macchina rimane inalterata.

Questa procedura teach-in per l’elettronica utilizzata per SLB700A/06VA è molto semplice: basta infatti effettuare una misurazione in condizioni di forza massima e un’altra in condizioni di forza zero. Il segnale in uscita viene calcolato facendo una media tra questi due punti; indipendentemente dal livello della deformazione, il segnale massimo possibile verrà trasmesso al livello successivo nella catena di misura (fare riferimento alla spiegazione qui di seguito).

I materiali del sensore sopportano la maggior parte degli olii utilizzati nelle applicazioni che prevedono l’uso di presse e sono resistenti alla ruggine.

 

 

Pratico

  • Facilità di montaggio con 6 viti M6
  • Cavo resistente all’olio e estremamente flessibile, adatto a catene di aggancio
  • Compatibile con la versione senza amplificatore; le due versioni sono intercambiabili e hanno dimensioni e schemi di distribuzione dei fori identici

Utilizzato con successo da anni in ambienti di produzione: le macchine possono essere aggiornate con facilità, grazie alla compatibilità totale dei sensori di deformazione attivi e passivi.

Economico

  • Una soluzione economica che costituisce un’alternativa ai sensori di forza, in particolare nei casi in cui subentrano forze di processo molto grandi
  • La dinamica della macchina rimane inalterata
  • Catena di misura molto economica, grazie specialmente all’amplificatore a ponte integrato
  • Facilità di taratura, grazie alla procedura teach-in di HBM

Estremamente economico: consente di misurare forze molto grandi, anche senza grande disponibilità economica. Non è necessario utilizzare elettronica aggiuntiva. La procedura teach-in assicura una risoluzione ottimale..

All-inclusive

  • HBM fornisce anche sensori per la taratura di SLB700A/06VA
  • Il nostro servizio di assistenza clienti è a disposizione per la taratura delle vostre catene di misura

Una soluzione economica completa, pronta per la misurazione, disponibile su richiesta

Teach-in sensore rapido. Ecco come funziona:

A differenza del nostro prodotto, ossia SLB700A/06VA, gli altri sensori di deformazione disponibili con un modulo di amplificatori integrato consentono un’unica amplificazione fissa. Ad esempio, 500 µm/m corrisponde a un segnale in uscita di 10 V. Lo svantaggio principale di questo metodo è che il segnale in uscita massimo dipende dall’amplificazione fornita, che non può essere modificata. Se, nell’esempio qui sopra, come segnale in uscita viene utilizzata una deformazione di 200 µm/m, la tensione in uscita risultante sarà di 4 V. In particolare, se l’elemento successivo nella catena di misura è un modulo con una bassa risoluzione o una rumorosità maggiore (ad esempio, quando gli aspetti economici hanno un’importanza fondamentale), i risultati sono spesso non soddisfacenti.

I sensori di deformazione SLB700A/06VA di HBM, con elettronica di amplificazione integrata, riescono a ovviare a questo problema poiché forniscono il massimo segnale in uscita possibile in ogni momento, indipendentemente dallo scopo.

Per ottenere questo risultato, HBM ha sviluppato una “procedura teach-in” estremamente semplice”.

  • Per prima cosa, il sensore viene installato nella maniera tradizionale, e il carico sulla macchina (pressa, supporto per rullo, silo) è ridotto a zero. Un impulso più lungo inviato all’input teach-in è sufficiente perché l’elettronica memorizzi il punto zero.
  • Successivamente, viene applicato il carico massimo ed è sufficiente inviare un altro impulso (stavolta uno BREVE) all’input teach-in. L’elettronica viene regolata tra questi due punti.
  • Ciò consente di utilizzare completamente l’intervallo di input del livello successivo in qualsiasi momento.

Ulteriori vantaggi:

  • C’è sempre una tolleranza del 10% nella parte superiore e inferiore dell’intervallo di misura. I segnali di deformazione più alti (ad esempio, in caso di danno) vengono amplificati e trasmessi.
  • La curva caratteristica può anche essere negativa. Sia l’allungamento che l’accorciamento possono essere convertiti in un segnale positivo.
  • L’amplificatore di misura integrato garantisce bassa rumorosità e un’ampiezza di banda di 2 kHz. 
  • È indispensabile registrare in maniera permanente l’ampiezza, ossia la differenza tra il valore minimo e il valore massimo. Per questo, è essenziale effettuare un reset dopo un’interruzione di corrente.

Bibliografia sul prodotto

Ricevi un'offerta!

Contatta il tecnico commerciale HBM della tua zona

Inviatemi:


Inizia la tua richiesta

Contatta il tecnico commerciale HBM della tua zona

Inviatemi:


Inizia la tua richiesta

La tua offerta individuale

Consulenza tecnica gratuita

Risposta immediata dai nostri tecnici specializzati

HBMshop Consulta prezzi, tempi di consegna e richiedi subito un preventivo.