Un aereo con "stile di vita" per decollo ed atterraggio su terra, acqua e neve

 L'AKOYA della LISA Airplanes provato con la tecnologia di misura HBM

Rendere il volo di nuovo un piacere: questo è lo scopo del nuovo ed ultramoderno aeroplano leggero AKOYA, attualmente in fase di sviluppo dalla società francese LISA Airplanes. La specialità dello AKOYA: l'aereo biposto può decollare ed atterrare con la stessa facilità sulla terra, sull'acqua o sulla neve senza alcuna conversione - tutto ciò di cui abbbisogna è una pista di meno di 200 m. La sicurezza e la comodità a bordo sono garantite dall'impiego degli estensimetri e dal robustissimo sistema di amplificatori SoMat eDAQlite della HBM.

Il velovolo leggero AKOYA è per molti aspetti fra i più insoliti progetti dell'aviazione moderna. Non solo esso è realizzato con materiali compositi all'avanguardia. Non solo esso può atterrare senza alcuna conversione su praticamente qualsiasi superficie - acqua, neve e terreno. Ciò che è forse l'innovazione più importante offerta dallo AKOYA è la concezione e motivazione dei suoi progettisti: rendere il volo nuovamente un piacere. "Saltare" da un punto all'altro senza alcuna profonda preparazione o limitazione. Sia il velivolo parcheggiato su uno yacht od in una rimessa di dimensioni standard: il proprietario dell'aereo leggero AKOYA sarà sempre pronto a decollare per un improvviso viaggio di piacere. 

Numerose innovazioni tecnologiche

Tuttavia, i requisiti tecnici da soddisfare sono tanto rigorosi quanto è intelligente l'idea. Questo è il motivo per cui AKOYA significa anche pura alta tecnologia. La squadra della LISA Airplanes, il costruttore dello AKOYA a Le Bourget du Lac in Francia, ha munito il velivolo di notevoli innovazioni tecnologiche.

La tecnologia "Multi-Access" già brevettata comprende:

  • Tecnologia "Seafoil": Due aliscafi sotto la fusoliera forniscono buona stabilità sull'acqua e consentono un facile e rapido decollo. Lo AKOYA è assolutamente l'unico aeroplano che utilizzi gli aliscafi per l'ammarraggio. 
  • Concetto Skis-in: Una combinazione di carrello retrattile e sci disposti a meta della ruota. Ciò consente l'atterraggio sia su superfici accidentate che ricoperte di neve.
  • Ali basculanti: Consentono di manovrare o trasportare facilmente il velivolo.

L'eccezionale flessibilità e stabilità dell'aeroplano è dovuta anche al coerente impiego di materiali compositi particolarmente leggeri e facilmente modellabili. Per lo AKOYA, la LISA Airplanes impiega ad esempio la fibra di vetro, il Kevlar, la schiuma idrofobica e la fibra di carbonio impregnata di resina epossidica. In un AKOYA vengono impiegati complessivamente 400 componenti metallici e 220 materiali compositi. La fusoliera è completamente realizzata con materiali compositi.

Prove utilizzando il SoMat eDAQ e gli estensimetri HBM

Il sistema SoMat eDAQlite installato nella cabina di pilotaggio dello AKOYA
Applicazioni di estensimetri

Le complete prove strutturali e dei componenti sono sempre la chiave per lo sviluppo dei nuovi velivoli. Ciò è particolarmente vero per lo AKOYA che utilizza molti materiali compositi, il cui comportamento durante l'esercizio deve essere esaminato approfonditamente. 

La LISA Airplanes ha optato per il robustissimo sistema di acquisizione dati di misura SoMat eDAQlite della HBM. Questo compatto sistema di amplificatori è insensibile alle vibrazioni e può essere direttamente installato nell'aeroplano. Il SoMat eDAQlite supporta la LISA Airplanes nell'ottenere informazioni più precise sulle sollecitazioni a cui sono soggette le strutture dell'aereo durante le varie fasi del volo. Numerose schede e moduli eDAQlite (p.es. ELCPU, ELBRG, ELDIO) acquisiscono i dati degli estensimetri applicati alle ali (configurati a quarto, mezzo e ponte intero) e di un'ampia gamma di dati di misura, ad esempio le coordinate GPS. La HBM ha fornito anche gli estensimetri.

"L'elevata risoluzione offerta dal SoMat eDAQlite ci consente di determinare come perfino le piccole onde alte meno di 10 centimetri influenzino l'ammarraggio a 110 km/h sulla superficie dell'acqua", spiega  Laurent Vallet, Capo dello Sviluppo alla LISA Airplanes.

La sicurezza operativa è cruciale e richiede prove approfondite. Comunque, la LISA Airplanes effettua anche misurazioni per trovare il modo di migliorare il  comfort durante il volo. Gli estensimetri installati forniscono dati utili per rendere il volo più comodo e tranquillo per i piloti. 

La versione ibrida già nella fase di progettazione

Decollo rapido, volo da punto a punto: il primo aeroplano AKOYA decollerà nel  2013 - la LISA Airplanes ha già registrato i primi ordini.

Anche se lo AKOYA è stato appena approntato per il mercato, i pionieri della LISA Airplane stanno già pensando ai futuri sviluppi: il modello HY-BIRD sarà il prossimo passo. Esso combina i vantaggi dello AKOYA con la tecnologia ibrida e le celle solari installate sulle ali. I pionieri dell'aviazione continuano a cercare nuove sfide - riponendo la loro fiducia negli affidabili risultati della strumentazione HBM.

LISA Airplanes

La LISA Airplanes fu fondata nel 2004 da Erick HERZBERGER e Luc BERNOLE ed iniziò a sviluppare il velivolo ultraleggero AKOYA nel 2006. L'impegno della LISA Airplanes è quello di realizzare aeroplani che cambino il modo d'intendere l'aviazione, permettendo un nuovo "stile di vita nel volare".

www.lisa-airplanes.com

Contatti Prego, contattateci se desiderate conoscere cosa può offrirvi la HBM.