Impiego dei moduli di pesatura per evitare gli errori di introduzione della forza nelle celle di carico

Tuttavia, in dipendenza del compito corrente, questa funzione ausiliaria raggiunge rapidamente i propri limiti. Se, per esempio, sulla cella di carico agisce una forza laterale oltre a quella da pesare, ciò può falsare i risultati di misura. In casi estremi di sovraccarico, la cella può venire addirittura distrutta.

Nella maggioranza dei casi, si possono evitare caricamenti incorretti utilizzando parti di montaggio adeguate. La cella di carico e le parti di montaggio formano un'unità funzionale complessa: il modulo di pesatura per celle di carico. I moduli di pesatura HBM vengono forniti già preassemblati. Essi possono essere immediatamente installati e messi in servizio sul posto senza la necessità di alcuna misura supplementare.

A seconda del loro tipo e della modalità operativa, i moduli di pesatura comprendono i seguenti componenti:

  • Piastre di montaggio superiore ed inferiore per il bloccaggio alle fondamenta od altre strutture portanti ed alla sovrastruttura
  • Dispositivo di introduzione e di uscita del carico della cella di carico
  • Appoggio a pendolo per il ritorno alla posizione originale nel caso di forze laterali
  • Appoggio ad elastomeri per lo smorzamento delle vibrazioni o del carico dinamico
  • Tiranti snodati orizzontali come vincolo alle forze laterali
  • Dispositivo antiribaltamento con simultaneo scaricamento del modulo

Nota: Non tutti i moduli di pesatura per celle di carico comprendono tutti i componenti sopra specificati. In parte, essi non possono essere montati successivamente!

Caratteristiche selezionate dei vari moduli di pesatura HBM

I moduli di pesatura HBM possono essere muniti di celle di carico omologate OIML R60, risultando così adatti alle applicazioni legali per il commercio.

Vantaggi dei moduli di pesatura HBM:

  • Esenti da manutenzione
  • Installazioni salvaspazio grazie alla minima altezza della struttura
  • Facili da montare
  • Disponibili in versione di acciaio inossidabile od acciaio zincato
  • Su richiesta, disponibili le celle di carico in versione EEx(i)
  • In parte muniti di dispositivo antiribaltamento
  • Dotati di tirante snodato
  • Alcuni moduli selezionati disponibili con battute antisovraccarico

Nota: Non tutti i moduli di pesatura per celle di carico comprendono tutti i componenti sopra specificati. In parte, essi non possono essere montati successivamente!

La HBM intende ampliare continuamente la gamma di moduli di pesatura. Si prega di consultare i prospetti dati più recenti per le informazioni sui nuovi componenti.

Figura 4: Modulo di pesatura HLC - da 550 kg a 4,4 t
Figura 3: Modulo di pesatura C16 - da 20 t a 200 t
Figura 1: Modulo di pesatura Z6 - da 50 kg a 500 kg
Figura 2: Modulo di pesatura RTN - da 1 t a 33 t

Configurazione dei moduli di pesatura secondo la loro applicazione

I tiranti assorbono le forze laterali fino al valore massimo specificato nel manuale di montaggio dei moduli di pesatura. Per evitare danni, questo valore massimo non deve mai essere superato. Se ciò non può essere garantito, è necessario prendere misure di protezione addizionali. Inoltre, è essenziale notare che i tiranti non possono assorbire qualsiasi forza laterale.

La configurazione più favorevole deve essere identificata già prima di installare i moduli sul posto. È essenziale tener conto già durante la progettazione delle singole circostanze, ad esempio la forza del vento, il volume del serbatoio, le forze laterali, la dilatazione e le influenze termiche. Da un lato è necessario, senza alcuna eccezione, che la direzione dei tiranti conduca tutti i carichi agenti lungo i tiranti stessi, pur mantenendo i valori limite ammessi. D'altro lato, non deve essere impedita la dilatazione termica che può esercitare forze notevoli. Le direzioni di montaggio suggerite dalla HBM possono essere solo approssimative. La configurazione dei moduli di pesatura deve essere verificata ed adattata riguardo ai carichi statici, dinamici e termici per ogni specifico progetto.

Nota: Quando un serbatoio è supportato da quattro punti (quattro moduli), un appoggio dovrebbe essere progettato senza alcun vincolo del tirante (Fig. 5), al fine di non ridurre i movimenti di compensazione ed evitare danni ai moduli.

Appoggio fisso quale economico sostituto del modulo

Figura 5: Esempi di installazione - Moduli di pesatura vincolati dai tiranti

Gli appoggi fissi si possono usare sia come accessori di montaggio che come sostituti dei moduli. L'impiego di solo uno o due "moduli misuranti", dipendentemente dalla forma del serbatoio, consente di ottenere una sostanziale riduzione del materiale e dei costi di installazione. Per garantire risultati di misura precisi, ciò è possibile solo con serbatoi il cui baricentro in direzione verticale non sia influenzato dal processo di riempimento. Tuttavia, nella maggioranza dei casi, ciò è vero solo nel caso di liquidi e di materiali sfusi assimilabili. Anche questi casi richiedono che venga determinato l'allineamento ottimale degli appoggi fissi e dei moduli. Il supporto fisso possiede la massima rigidità nella direzione longitudinale della dorsale e la massima flessibilità nella direzione perpendicolare alla dorsale. Qui bisogna tener conto anche delle forze del vento e della loro influenza sui risultati di pesatura.

Influenze sul montaggio

Non planarità delle superfici di contatto

È richiesta una non planarità della superficie inferiore a 0,6 mm. Le non planarità maggiori devono livellate con del sigillante, ad esempio l'AFM-30 (della Reinz).

Angolo di inclinazione delle superfici di contatto

L'inclinazione riduce la sensibilità della cella di carico di 1-cosα. Questa deviazione si può correggere con l'elettronica di gestione durante la taratura del sistema di pesatura. Tuttavia, non si deve assolutamente superare un angolo di inclinazione di 3°.

Parallelismo dei piani

Se la piastra di base e quella superiore non sono parallele fra loro, la deviazione fra le parti di applicazione della forza rispetto al parallelismo dei piani provoca una forza laterale aggiuntiva. Questa forza laterale viene assorbita in direzione longitudinale dal tirante. Nella direzione trasversale, l'appoggio a pendolo si inclina fino a riequilibrare la forza di ripristino. Tuttavia, al fine di ridurre al minimo l'effetto delle forze laterali, l'angolo di inclinazione non deve mai superare i 3°.

Disassamento

Uno spostamento assiale fra la piastra superiore e l'area di applicazione della forza alla struttura è accettabile, in quanto le piastre sono fissate insieme con le viti.

Scaricate l'articolo in formato pdf

Contatti Prego, contattateci se desiderate conoscere cosa può offrirvi la HBM.