Carico oscillante ammesso (relativo)

Il carico oscillante relativo ammesso specifica la resistenza alla fatica del trasduttore. Questo valore è solitamente specificato come grandezza relativa rispetto alla forza nominale.
In generale, la sollecitazione oscillatoria ammessa viene espressa come valore di picco a picco dell'ampiezza, cioè la differenza fra la forza minima e quella massima. Il trasduttore di forza può essere caricato con quest'ampiezza sia con carico dinamico che carico alternativo (passante per lo zero).
Esempio: Un trasduttore per forze di trazione e compressione abbia la forza nominale di 200 kN, il carico oscillante ammesso sia del 100 %. In tal caso, il trasduttore può essere caricato sia fra 0 e 200 kN che fra -100 kN e +100 kN.

Contatti Prego, contattateci se desiderate conoscere cosa può offrirvi la HBM.