Elenco di termini relativi alla misurazione della deformazione tramite sensori ottici

λLunghezza d’onda

La lunghezza d’onda è il valore picco di lunghezza d’onda misurato di un sensore con reticolo a fibra di Bragg. Si esprime normalmente in nanometri (nm).

λ0Lunghezza d’onda di riferimento

La lunghezza d’onda di riferimento è il picco di lunghezza d’onda di un sensore con reticolo a fibra di Bragg alle condizioni di riferimento (nessuna deformazione, temperatura di riferimento ecc.). Si esprime normalmente in nanometri (nm).

ΔλVariazione della lunghezza d’onda

La variazione della lunghezza d’onda (denominata anche spostamento o cambio) è la differenza tra la lunghezza d’onda e la lunghezza d’onda di riferimento (valore di riferimento): Δλ= λ- λ0. Si esprime normalmente in nanometri (nm).

kfattore-kIl fattore di gauge (denominato anche fattore-k) di un estensimetro ottico corrisponde alla variazione proporzionale tra la lunghezza d’onda di Bragg (Δλ/λ0) e la variazione di deformazione Δε. Viene misurato come: Δλ/λ0 = k.Δε. Questo valore è un numero adimensionale e dipende dalla fibra ottica utilizzata e dall’incapsulamento del sensore. Nel caso dei sensori di deformazione ottici HBM, il fattore-k viene indicato nelle specifiche tecniche fornite singolarmente con ogni sensore.
εDeformazione

La deformazione è un valore adimensionale che rappresenta la variazione relativa tra la lunghezza di un materiale e la sua lunghezza iniziale. Si tratta normalmente di un valore molto piccolo, per questo si rappresenta con µm/m, ppm o 10-6.

SSensibilità

La sensibilità di un sensore di deformazione ottico è il rapporto diretto tra la deformazione misurata e la variazione della lunghezza d’onda di Bragg: Δε/Δλ= S. Viene normalmente definito come valore in micro-deformazione per nanometro [(µm/m)/nm)] ed è diverso per ogni sensore perché dipende dalla lunghezza d’onda di base iniziale: S=1/(k. λ0).

 TCSSensibilità incrociata alla temperatura

La sensibilità incrociata alla temperatura è una deviazione della misurazione del sensore causata da una variazione di temperatura. Si tratta della deformazione misurata erroneamente in presenza di una variazione di 1ºC (o 1ºK) nella temperatura. Questo valore viene espresso in (µm/m)/ºC [o (µm/m)/ºK] e può essere usato anche per compensare l’effetto della temperatura sul sensore di deformazione ottico (senza considerare la compensazione dell’espansione termica del campione).

σSollecitazione

La sollecitazione meccanica è espressa dal quoziente della forza F e dell’area della sezione trasversale A del materiale sottoposto a sollecitazione, σ=F/A. Si esprime normalmente in KPa.

EModulo elastico

Il modulo di elasticità, o modulo di Young, è ilo rapporto tra la sollecitazione e la deformazione in un materiale elastico lineare. È dato dalla Legge di Hooke (σ=E.ε). i esprime normalmente in GPa (109 Pa) per collegare la deformazione in µm/m (10-6) con la sollecitazione in KPa (103 Pa).

vCoefficiente di Poisson

Il coefficiente di Poisson viene definito dalla divisione tra la deformazione trasversale εt è la deformazione longitudinale εl. Per le leghe di alluminio, ad esempio, ν = 0.33.

 


Raccomandati per voi

Spiegazione della legge di Hooke
Per calcolare le sollecitazioni dovute alla deformazione elastica dei materiali, ci si basa sulla Legge di Hooke spiegata qui di seguito.
Analisi sperimentale sollecitazioni
L’analisi sperimentale delle sollecitazioni usa gli estensimetri per misurare deformazioni sulla superficie. Apprendete il principio alla base del metodo.
Misurazione della deformazione: concetti base
Un’introduzione alla misurazione della deformazione: scopri tutto quello che c’è da sapere oltre a dei trucchi dai migliori esperti
Sensori di deformazione ottici: informazioni di base
Informazioni di base sulle misurazioni delle deformazioni: sensori di deformazione ottici e loro applicazioni (es. monitoraggio strutturale).
Contatti Prego, contattateci se desiderate conoscere cosa può offrirvi la HBM.