L’integrazione delle celle di carico digitali HBM in una imbustatrice stick pack garantisce un riempimento preciso delle bustine

INVpack, un’azienda che fa parte del Gruppo Inever, progetta e fabbrica la più vasta gamma di confezionatrici verticali VFFS per stick pack e bustine presso gli stabilimenti di Argentona e Barcellona per il settore alimentare, farmaceutico, cosmetico, nutraceutico e caseario. Collaborare con un cliente significa trovare per ogni macchina una soluzione su misura che soddisfi ogni sua esigenza.

In un mercato in costante evoluzione, INVpack unisce esperienza e innovazione per affrontare i problemi e ottimizzare il riempimento con le migliori configurazioni possibili. Uno degli ultimi sviluppi personalizzati è una imbustatrice stick pack a 10 corsie per un fabbricante americano di integratori alimentari.

Su questa macchina sono montate dieci celle di carico digitali HBM FIT7A (una per lane) che consentono di integrare il controllo del peso nella macchina e agire ad una determinata velocità. Come ha osservato Manuel Martínez, responsabile produzione di INVpack, “Migliorando il posizionamento e la rimozione del prodotto, il confezionamento diventa più preciso e il risultato di maggiore qualità”.

Problema

INVpack è una grande azienda produttrice di imbustatrici verticali a VFFS più corsie per stick pack e bustine. Queste macchine sono affidabili e garantiscono una misurazione precisa del peso della busta. Ora stanno affrontando la sfida di implementare sensori in grado di funzionare a una velocità preimpostata senza alcun tipo di errore..

 
Soluzione

Una delle ultime personalizzazioni di INVpack trae vantaggio dalle celle di carico digitali HBM FIT7A, consentendo al sensore di essere posizionato dentro la macchina stessa, controllando ogni bustina subito dopo il riempimento.

 
Risultati

Grazie alle celle FIT7A, INVpack ora è in grado di offrire una maggiore precisione di lavorazione e velocità oltre a una riduzione di costi e rifiuti. In caso di errori nel peso stimato, la confezione viene immediatamente scartata. Questa risposta rapida garantisce un risparmio di prodotto e materiale di confezionamento.

Installate dentro la macchina

Le celle FIT7A controllano il peso di ciascuna bustina immediatamente dopo il confezionamento e se rilevano un errore nel valore atteso, la bustina viene scartata, con un maggiore risparmio di materiali e materiale di confezionamento.

Altri sistemi raggruppano più confezioni o sacchetti e li pesano a valle della macchina con una bilancia. In caso di errore, essendo ormai già prodotte, le bustine difettose non possono che essere scartate, con tutti i costi che questo implica.

Le celle di carico FIT7A da 3 kg con interfaccia CANopen invece garantiscono che il distributore di liquidi o solidi e l’intera macchina lavorino secondo le specifiche, riducendo l’occorrenza di scarti e rifiuti grazie ad un controllo del feedback di confezionamento.

Manuel Martínez aggiunge

“I prodotti HBM consentono anche una facile integrazione e implementazione dell’intelligenza nelle macchine, prezzi competitivi e un eccellente supporto tecnico, proprio quello che i nostri clienti ci chiedono”.

Software per regolazione e analisi

Se tutto questo non bastasse, le unità FIT7A comprendono il software gratuito PanelX che semplifica le funzioni di regolazione e analisi. Ad esempio, può analizzare graficamente i tempi di pesatura disponibili per il ciclo di riempimento per sfruttare al meglio il processo di pesatura

Questa nuova macchina per integratori alimentari è anche dotata della tecnologia INV-Care, che protegge il prodotto e semplifica l’integrazione di processi end-of-line e pick and place. Allo stesso modo, il design INV-Easy presenta vantaggi per la pulizia e la manutenzione.

Collaborazioni future

Per i motivi descritti sopra, INVpack e HBM stanno pensando di collaborare per offrire progetti completi che si adattino alle esigenze specifiche di ogni cliente. Le celle FIT7A non solo gli unici prodotti aggiunti alla gamma di macchinari del Gruppo Inever. I modelli FIT5A e PW6D+PAD, insieme ad altre soluzioni, lavorano con precisione ed efficienza in diverse confezionatrici e imbustatrici verticali.

Conformità alle rigide normative

Le celle di carico HBM sono allo stato dell'arte, con classe di precisione C4 o secondo OIML R60 e offrono diverse altre funzioni che soddisfano i requisiti nel settore alimentare e farmaceutico, come la struttura in acciaio, il grado di protezione IP66, per non parlare di connettori e filtri avanzati per ridurre le interferenze meccaniche ed elettriche.

Guarda l’imbustatrice stick pack in funzione

 

Questo video mostra il successo del progetto. 

Con le unità FIT7A e il software PanelX, INVpack ha sviluppato un’imbustatrice stick pack da 10 corsie in grado di effettuare una pesatura precisa e un imballaggio ad una velocità adeguata.

Informazioni su INVpack

Nata nel 2003, INVpack progetta e fabbrica imbustatrici verticali a corsie multiple VFFS per stick pack e bustine. La sede dell’azienda è a Barcellona, in Spagna, con un ufficio anche a Chicago (Stati Uniti) e partner in oltre 50 Paesi. A oggi, INVpack ha consegnato oltre 450 macchine in tutto il mondo.

Con la più completa gamma di imbustatrici stick pack sul mercato e un’anticipazione riuscita delle delle domande tecnologiche del mercato, questa azienda del Gruppo Inever investe le proprie risorse nello sviluppo di relazioni dirette, uno a uno con i clienti nel settore alimentare, farmaceutico, nutraceutico e caseario.

Contatti Prego, contattateci se desiderate conoscere cosa può offrirvi la HBM.